Se non ti sei ancora iscritto al mio webinar gratuito: http://bit.do/AUWeb1IT


Ciao ragazzi – Andrea Unger qui – qualche volta mi viene chiesto, sapendo che io opero con sistemi automatici, se i sistemi debbano sempre rimanere attaccati in qualsiasi caso.

In genere la risposta è sì; ci sono però dei casi particolari dove si dovrebbe valutare attentamente quello che si vuole fare. Per dire due esempi: la decisione sulla Brexit – che poteva creare e ha creato una notevole turbolenza sui mercati – e le elezioni americane, in particolare le elezioni che hanno visto trionfare Trump, sono casi particolari dove i mercati hanno reagito violentemente e con il senno di poi in quei casi era meglio spegnere magari i sistemi; non tanto perché il sistema non potesse indovinare la direzione dei mercati e di fatto non poteva, perché il sistema non può sapere che ci sia la Brexit o Trump o via dicendo; ma il fatto è che i mercati, quando ci sono shock di una certa entità, si muovono in maniera completamente disordinata e non attinente a quelli che sono i loro movimenti normali, movimenti normali sulla quale si basano in genere i sistemi che sono costruiti. Per cui ci troveremmo a guidare con una Ferrari su una strada sterrata di campagna semplicemente perché siamo usciti di strada e non è sempre la soluzione migliore.

Poi si può naturalmente valutare, come ho fatto io, quali sistemi tenere attaccati e quello che potrebbe essere l’effetto sorpresa . Per dire, sulla Brexit non ci si aspettava che la votazione vedesse vincere la volontà di staccarsi dall’Unione Europea quindi la sorpresa, quella che poi è stata, poteva essere considerata e tenere attaccati i sistemi e composizioni che puntassero proprio sull’effetto sorpresa.

Lo stesso discorso sulle elezioni americane in cui ci si aspettava una vittoria di Hillary Clinton, avendo delle posizioni per dire short sugli indici aperti, si potevano tenere aperte contando che se avesse vinto la Clinton non sarebbe poi salito troppo il mercato, perché già aveva scontato questo effetto; mentre come è successo nel caso di vittoria di Trump, sarebbe stato uno scrollone notevole che portava ovviamente in guadagno le posizioni short aperte.

Sono sempre azzardi quindi il mio consiglio è: quando si sa che si è di fronte a un evento che potrebbe dare un’elevatissima volatilità, anche disordinata, dei mercati è meglio spegnere tutto, stare flat e stare alla finestra ad aspettare per riattaccare dopo, quando il mercato si è più calmato.

Questo è quanto, ci vediamo!